fbpx

Smet di De Rosa e Filippo Roma de le Iene per il trasporto sostenibile

smet e le Iene

Smet di De Rosa e Filippo Roma de le Iene per il trasporto sostenibile

Dopo l’acquisto dei nuovissimi Iveco Stralis LNG, che Smet ha recentemente ordinato alla concessionaria Iveco Mecar, prosegue l’impegno per il trasporto sostenibile. L’azienda guidata da Luigi De Rosa, insieme con Mecar, ha appena lanciato la campagna di sensibilizzazione verso la riduzione dell’impatto ambientale della logistica e dei trasporti. Per dare maggiore forza alla campagna pubblicitaria, i due colossi aziendali hanno scelto un testimonial d’eccezione. Si tratta di Filippo Roma, inviato del noto programma televisivo di Italia Uno, le Iene.

Lo spot pubblicitario di Smet e Mecar, con Filippo Roma

L’impegno di Smet per il trasporto sostenibile rispecchia la filosofia che, sin dal principio, Luigi De Rosa, amministratore unico di Smet trasporti, ha adottato per costruire la propria azienda. Un impegno che, recentemente, si è tradotto in un ordine di 330 Iveco Stralis alimentati da gas naturale liquefatto, che consentiranno di ridurre fino al 100% l’impatto ambientale delle spedizioni di Smet autotrasporti.

Un impegno ambientale, quello di De Rosa, che è stato apprezzato anche dalla Iena Filippo Roma. Proprio l’inviato del programma di Italia Uno ha deciso di essere al fianco dell’azienda di trasporti su gomma. «Ho una grande notizia da darvi: l’ecosostenibilità dei truck, finalmente, è possibile – spiega Roma nello spot – esiste una nuova tecnologia, conosciuta come gas naturale liquefatto, ma meglio conosciuta con l’acronimo inglese LNG, che permette di ridurre di tantissimo le emissioni di inquinanti e di CO2». Non solo la riduzione delle emissione inquinanti, come spiega ancora la Iena: «Il gas naturale garantisce la diminuzione di rumore e, quindi, anche la riduzione dell’inquinamento acustico – prosegue – in Italia, grazie ad aziende come Smet e Mecar, il mercato del gas naturale nel settore dei trasporti sta crescendo tantissimo. Questo vuol dire che, finalmente, i trasporti si stanno muovendo verso soluzioni di ecosostenibilità e di grande attenzione per l’ambiente». Per questo, sul finire dello spot, Filippo Roma invita anche i competitor di Smet di De Rosa a impegnarsi per il futuro del pianeta.

Chi è Filippo Roma, la Iena al fianco di Smet e Mecar

Filippo Roma è uno dei volti noti del programma di Italia Uno, le Iene. Nato a Roma nel 1970, qui ha studiato sino a laurearsi in Economia. Nel 2004 approda al programma televisivo che l’ha reso celebre al grande pubblico.

Filippo Roma, inviato de Le Iene su Italia Uno

Prima di arrivare in televisione, però, Roma ha lavorato anche in altri settori. Ironia della sorte, infatti, la Iena ha collaborato con un’azienda che vendeva gas e, successivamente, come gestore di un impianto di distribuzione di carburanti sull’Autostrada del Sole. Solo dopo una lunga gavetta, che l’ha visto collaborare con Mario Monicelli e, nel 2002, entrare in Radio Capital, è arrivata la chiamata de le Iene. Programma con cui, ancora oggi, collabora attivamente.

L’impegno di Smet per il trasporto sostenibile

Sin dalla fondazione dell’azienda, Luigi De Rosa ha riconosciuto l’importanza dell’impegno per l’ecosostenibilità dei propri trasporti. Un impegno che è stato costantemente profuso al fine di realizzare trasporti sostenibili e, più in generale, una logistica sostenibile. In tal senso, l’acquisto dei nuovi Iveco Stralis alimentati a gas naturale liquefatto rappresenta solo l’ultimo passo verso una strategia di ecosostenibilità dell’azienda. L’impegno profuso negli anni, infatti, è sottolineato dalle certificazioni in materia ambientale che l’azienda ha conseguito negli anni.

L’occhio di De Rosa e Smet, in tal senso, è orientato ai mercati europei. In paesi come Spagna, Olanda e Regno Unito vi è stato un forte interesse verso l’impiego di gas naturale liquido, anche attraverso la costruzione di una rete distributiva di alto alto livello. L’Italia, invece, a oggi può contare soltanto su circa dieci stazioni di distribuzione, quasi tutte concentrate al nord del paese. Ed è per questo che Smet, con Mecar e Filippo Roma, chiedono un impegno maggiore da parte delle istituzioni.