fbpx

Mobilità sostenibile, De Rosa: «Misure per abbattere le emissioni»

pnrr de rosa

Mobilità sostenibile, De Rosa: «Misure per abbattere le emissioni»

«Per una mobilità delle merci davvero sostenibile bisogna dare dotazioni adeguate e continuità a misure come Marebonus e Ferrobonus che hanno effettivamente garantito un risparmio in termini di emissioni di CO2 in atmosfera con un risparmio di esternalità per lo Stato di centinaia di milioni di euro all’anno e con un alleggerimento della pressione sulle fragilissime infrastrutture italiane di milioni di tir». Domenico De Rosa, CEO del Gruppo SMET, azienda leader in Europa nella logistica integrata, ha ribadito questo concetto anche a Manduria, nel corso dell’evento organizzato da ALIS su “Trasporti. Logistica. Sostenibilità. Green e blue economy per la ripartenza”. Nel primo talk, i presidenti delle Autorità di Sistema Portuale Andrea Annunziata, Pino Musolino, Sergio Prete e Ugo Patroni Griffi, insieme ai presidenti delle Commissioni di ALIS Matteo Arcese (Affari Europei), Luigi D’Auria (Trasporto Internazionale), Domenico De Rosa (Intermodalità Marittima e Autostrade del Mare) e Alessandro Valenti (Intermodalità Ferroviaria) sono stati moderati dal direttore di Economy Sergio Luciano e hanno evidenziato le necessità di un comparto strategico come quello logistico specialmente nel centro-sud. E il presidente di ALIS, Guido Grimaldi, ha messo in risalto l’urgenza di approvare riforme e interventi volti alla semplificazione, alla modernizzazione delle infrastrutture e alla ritrovata centralità del nostro Paese come piattaforma logistica strategica al centro del Mediterraneo. Il secondo talk, che è stato moderato da Bruno Vespa, ha visto uno stimolante confronto tra il viceministro delle Infrastrutture e della Mobilità Sostenibili, Alessandro Morelli, il capo di Gabinetto della Regione Puglia Claudio Stefanazzi, il presidente della Commissione ALIS su Interporti e Hub Logistici Strategici Giancarlo Cangiano e il presidente del Gruppo Casillo, Pasquale Casillo.

Fonte: La Città di Salerno